Poi diventi mamma. E migliori.

PrimoNido

Primo giorno di asilo nido

Sì, anche nel lavoro.
Perchè diventare mamma ti sconvolge la vita, tutto cambia, non sei più tu solo il centro, eccetera eccetera. Ma se gli eventi cerchi di afferrarli, invece di lasciarteli scorrere addosso, un tale cambiamento è tra le occasioni migliori che ti possano capitare per crescere.
Per osservarti, cambiare, e osservarti cambiare.
A me almeno è successo così. 10 anni di lavoro in un’impresa B2B di alta tecnologia, radicata nel territorio ma con visibilità internazionale. Un carattere di merda, il mio. Sempre nervosa, sempre arrabbiata. Un lavoro ad alta intensità: di progetti, di bellezza, di opportunità, ma anche di stress e aspettative e pretese. In 10 anni, momenti di grande orgoglio alternati ad altri di profonda crisi. E un confronto continuo e aperto con la mia capa, nel tentativo di farmi capire quanto c’entravo IO, in tutto quello che provavo. Fiumi di parole che hanno scavato (all’apparenza inutilmente) piccoli sentieri nella mia mente e che (dopo 10 anni) una volta a casa alle prese con Cipollino, sono diventate autostrade di consapevolezza.

Consapevolezza che ho costruito in anni di scontri e mal di stomaco, ma che ora più che mai capisco quanto fosse possibile raggiungerla prima, senza aspettare l’aut-aut di un figlio.
Perchè poi ti rendi conto di quanto, in fondo, funzioni tutto allo stesso modo e si poggi tutto sulle stesse basi: amore, lavoro, genitorialità, famiglia, amicizie. E’ sempre il momento giusto per essere migliori, per cambiare, proprio perchè il momento perfetto non ci sarà mai, e allora perchè non iniziare quando abbiamo la ‘tranquillità’ per farlo, poco a poco? Oppure aspettate il momento di crisi nera, se è uno shock che vi serve (come a me). Ma provateci, non rimandate ancora. Non è poi così difficile.

E’ solo questione di onestà e coerenza
Ognuno ha un’immagine di sè, nel lavoro, nella vita, nella maternità. Poi ti scontri con la realtà, e questa immagine cade, spesso miseramente. E’ a quel punto che bisogna essere onesti con se stessi e ammettere che qualcosa non sta andando come volevamo. E rimboccarsi le maniche, mettersi in discussione e iniziare ad andare verso quello che volevamo essere.

E’ solo questione di responsabilità e colpe
Bisogna accettare che le cose cambiano, che non possiamo pianificare tutto e che non dipende tutto solo da noi. Ma non è nemmeno sempre colpa degli altri. Non puoi sempre addossare colpe al di fuori di te, e nemmeno la responsabilità della soluzione.

E’ solo questione di atteggiamento mentale
Il mio pensiero domina ciò che sono e la mia energia è la somma dei miei pensieri. Un atteggiamento mentale positivo ci aiuta a dare il meglio di noi stessi nelle situazioni difficili. La cosa bella è che questo pensiero positivo si può allenare, e se diventa un’abitudine, è fatta (o quasi)!

E’ solo questione di apertura e accoglienza
Nell’era dell’informazione “non lo so” non si può più sentire. Abbiamo il privilegio di poterci informare liberamente, per metterci nella condizione di scegliere quello che crediamo meglio. E possiamo confrontarci facilmente, con chiunque. Se non è una fortuna, questa!

E’ solo questione di impegno e di esempio
Non diventiamo credibili perchè lo decidiamo noi. Con nessuno, tanto meno con i figli. Se non siamo noi per primi lo specchio di quello che diciamo, cosa speriamo di ottenere?

5 pensieri su “Poi diventi mamma. E migliori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *